Aggiornamento 08-giu-2019

Ottimizzato per Google Chrome

 

 

Comitato Scientifico     Comitato di redazione       I link      Rapporti 

 

Sviluppo sostenibile                        Storia e tendenze                     La Green economy                  L'Agenda 2030                 Bibliografia

cambiamenti globali                     Clima           Energia          Trasporti          Territorio
    INDICATORI e metodologie                           OLTRE IL PIL

 

Con la creazione di questo spazio virtuale di informazione e di discussione, il Comitato Scientifico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile intende innanzitutto riflettere e rendere accessibili anche in Italia i principali elementi che caratterizzano il dibattito sullo sviluppo sostenibile a livello internazionale. Al tempo stesso vuole fornire agli esperti della Fondazione, e a tutti coloro che vorranno contribuire, una occasione di approfondimento e di scambio intorno al processo della creazione di un pensiero collettivo sullo sviluppo sostenibile in Italia. Le tematiche che verranno sviluppate sono in continua evoluzione. La nostra riflessione si concentrerà sulla transizione in atto che sta cambiando rapidamente ed irreversibilmente paradigmi, teorie e scenari.  La pagina fornirà i principali dati sulla transizione e metterà a disposizione tutti i possibili link con le numerose pagine ed i siti nei quali si lavora allo stesso obiettivo. L'attività progettuale e le iniziative della Fondazione, presentate nel sito web della Fondazione, saranno ulteriormente illustrate ed approfondite  con particolare attenzione agli aspetti metodologici ed ai dati prodotti nei nostri lavori

 

 

CHI SIAMO

Il Comitato Scientifico della Fondazione

per lo Sviluppo sostenibile

Il Comitato di redazione

 

DOVE SIAMO

 

I LINK

Tutti i link del Comitato

La Fondazione per lo sviluppo sostenibile

L'Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile

Gli Stati generali della green economy

 

I TEMI

Sviluppo sostenibile 

Storia e tendenze

La Green economy

L'Agenda 2030

La bibliografia

Cambiamenti globali

Clima

Energia

Trasporti

Territorio

Dati statistici e metodologie

Indice ISSI

BES

Crescita e PIL

Emissioni GHG

 

GLI Archivi

Rapporti  

Editoriali 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

COMITATO SCIENTIFICO

DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE

Lo sviluppo sostenibile in Italia e nel mondo

"Se pensate che la cultura sia costosa, provate con l’ignoranza!"

  CLIMA

 8 giugno 2019. Stiglitz per il Guardian: The climate crisis is our third world war

 

Advocates of the Green New Deal say there is great urgency in dealing with the climate crisis and highlight the scale and scope of what is required to combat it. They are right. They use the term “New Deal” to evoke the massive response by Franklin Delano Roosevelt and the United States government to the Great Depression. An even better analogy would be the country’s mobilization to fight World War II.

Critics ask, “Can we afford it?” and complain that Green New Deal proponents confound the fight to preserve the planet, to which all right-minded individuals should agree, with a more controversial agenda for societal transformation. On both accounts the critics are wrong. Yes, we can afford it, with the right fiscal policies and collective will. But more importantly, we must afford it. The climate emergency is our third world war. Our lives and civilization as we know it are at stake, just as they were in the second world war.

When the US was attacked during the second world war no one asked, “Can we afford to fight the war?” It was an existential matter. We could not afford not to fight it. The same goes for the climate crisis. Here, we are already experiencing the direct costs of ignoring the issue – in recent years the country has lost almost 2% of GDP in weather-related disasters, which include floods, hurricanes, and forest fires. The cost to our health from climate-related diseases is just being tabulated, but it, too, will run into the tens of billions of dollars – not to mention the as-yet-uncounted number of lives lost. We will pay for climate breakdown one way or another, so it makes sense to spend money now to reduce emissions rather than wait until later to pay a lot more for the consequences – not just from weather but also from rising sea levels. It’s a cliche, but it’s true: an ounce of prevention is worth a pound of cure.

The war on the climate emergency, if correctly waged, would actually be good for the economy – just as the second world war set the stage for America’s golden economic era , with the fastest rate of growth in its history amidst shared prosperity. The Green New Deal would stimulate demand, ensuring that all available resources were used; and the transition to the green economy would likely usher in a new boom. Trump’s focus on the industries of the past, like coal, is strangling the much more sensible move to wind and solar power. More jobs by far will be created in renewable energy than will be lost in coal.

The war on the climate emergency, if correctly waged, would actually be good for the economy. The biggest challenge will be marshalling the resources for the Green New Deal. In spite of the low “headline” unemployment rate, the United States has large amounts of under-used and inefficiently allocated resources. The ratio of employed people to those of working age in the US is still low, lower than in our past, lower than in many other countries, and especially low for women and minorities. With well-designed family leave and support policies and more time-flexibility in our labor market, we could bring more women and more citizens over 65 into the labor force. Because of our long legacy of discrimination, many of our human resources are not used as efficiently as they could or should be. Together with better education and health policies and more investment in infrastructure and technology – true supply side policies – the productive capacity of the economy could increase, providing some of the resources the economy needs to fight and adapt to the climate breakdown. While most economists agree that there is still room for some economic expansion, even in the short run – additional output, some of which could be used to fight the battle against the climate crisis – there remains controversy over how much output could be increased without running into at least short-term bottlenecks. Almost surely, however, there will have to be a redeployment of resources to fight this war just as with the second world war, when bringing women into the labor force expanded productive capacity but it did not suffice.

Some changes will be easy, for instance, eliminating the tens of billions of dollars of fossil fuel subsidies and moving resources from producing dirty energy to producing clean energy. You could say, though, that America is lucky: we have such a poorly designed tax system that’s regressive and rife with loopholes that it would be easy to raise more money at the same time that we increase economic efficiency. Taxing dirty industries, ensuring that capital pays at least as high a tax rate as those who work for a living, and closing tax loopholes would provide trillions of dollars to the government over the next 10 years, money that could be spent on fighting the climate emergency. Moreover, the creation of a national Green Bank would provide funding to the private sector for climate breakdown – to homeowners who want to make the high-return investments in insulation that enables them to wage their own battle against the climate crisis, or businesses that want to retrofit their plants and headquarters for the green economy.

The mobilization efforts of the second world war transformed our society. We went from an agricultural economy and a largely rural society to a manufacturing economy and a largely urban society. The temporary liberation of women as they entered the labor force so the country could meet its war needs had long-term effects. This is the advocates’ ambition, a not unrealistic one, for the Green New Deal. There is absolutely no reason the innovative and green economy of the 21st century has to follow the economic and social models of the 20th-century manufacturing economy based on fossil fuels, just as there was no reason that that economy had to follow the economic and social models of the agrarian and rural economies of earlier centuries.

TORNA SU

 

SVILUPPO SOSTENIBILE

21 maggio 2019. A Roma all'Auditorium del Parco della musica si fa il punto sull'Agenda 2030

Promosso dall'Alleanza per lo sviluppo sostenibile un Convegno con la partecipazione del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte e del Governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco inaugura il Festival del 2019. I resoconti sono sul sito dell'ASviS. Qui vogliamo richiamare alcuni elementi di rilievo per l'avanzamento dello sviluppo sostenibile nel nostro paese. Un'analisi complessiva dello stato dell'Agenda 2030 in Europa ed in Italia è contenuto nell'intervento di apertura (vai al pdf) di Enrico Giovannini (ascolta), il portavoce dell'Alleanza. Un'indagine svela che le priorità per gli italiani sono il cambiamento climatico ed il lavoro. Ci sono preoccupazioni per le disuguaglianze e l'esclusione sociale in grave espansione.  Analizzando la dimensione europea, nella quale non sembra visibile un impegno per l'Agenda 2030,  le conclusioni dicono che l’Unione europea non è su un sentiero di sviluppo sostenibile. Le istituzioni europee hanno posto le premesse per un salto di qualità nelle politiche europee usando l’Agenda 2030 come riferimento per realizzare appieno il Trattato. La società civile ha spinto in questa direzione ed è pronta a sostenere un’accelerazione. I cittadini si aspettano un colpo d’ala dalla politica e per far decollare la politica europea occorre intervenire sul quadro finanziario pluriennale 2021-2027, sulla struttura della Commissione, sulla riforma del semestre europeo e occorre aumentare la coerenza delle politiche interne ed esterne, la valutazione ex-ante delle nuove iniziative legislative e il coinvolgimento della società civile.

Del Presidente Conte si può ascoltare l'intervento in youtube. Per il Governo, l’obiettivo prioritario è incrementare il benessere delle generazioni attuali, preservando tuttavia quanto più possibile quello delle generazioni future; l'Agenda 2030, in quest’ottica, è uno strumento fondamentale per conseguire questo obiettivo, perché ci aiuta a valutare il progresso di un Paese in un quadro multidimensionale, e non soltanto secondo l’angusto parametro dell'economia. Proprio per studiare ed approfondire questi fenomeni complessi e quindi illuminare la strada dei decisori politici il Presidente ha approntato proprio in questi giorni un decreto volto a istituire una Cabina di regia apposita, a Palazzo Chigi, presso la Presidenza del Consiglio, che ha chiamato “Benessere Italia”, allo scopo di coordinare le politiche di tutti i ministeri nel segno del benessere dei cittadini.

 

Di spessore ben maggiore è l'intervento del Governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco sul finanziamento, concetto che rivolge in generale a tutte le questioni ambientali piuttosto che all'Agenda 2030 in quanto tale (ascolta l'intervento di Visco). La transizione verso un’economia caratterizzata da basse emissioni di carbonio è necessaria se vogliamo limitare i rischi che i cambiamenti climatici pongono per il benessere dei cittadini. Il settore finanziario, le banche centrali e le autorità di vigilanza non possono supplire alle politiche necessarie a decarbonizzare i nostri sistemi energetici, ma possono svolgere un ruolo importante per favorire tale processo. Una maggiore consapevolezza degli intermediari finanziari su come i fattori di sostenibilità possano incidere sulla loro attività è nel loro interesse: faciliterebbe la gestione dei relativi rischi nei propri sistemi di governo e nelle proprie strategie, contribuendo a migliorare la loro performance. Le banche centrali e le autorità di vigilanza operano per fare in modo che il sistema finanziario sia preparato ad affrontare questa transizione. Il processo di diffusione dei nuovi strumenti finanziari potrà essere facilitato dalla definizione, a livello europeo, di una tassonomia ambientale delle attività e di schemi di etichettatura dei prodotti (inclusi gli standard per i green bond), dalla diffusione dei nuovi indici di riferimento a bassa emissione di carbonio e dall’applicazione delle nuove regole in materia di trasparenza. Nel nostro paese l’interesse espresso dai risparmiatori per la finanza sostenibile è significativo, ma l’offerta di prodotti non è ancora sufficiente a soddisfare la domanda: vi è spazio per nuovi progetti da finanziare, servono strumenti adeguati sui quali investire ed è fondamentale la capacità delle imprese di fornire le informazioni necessarie sulla sostenibilità delle proprie attività. 

Cosa ha detto il Convegno sulla priorità principale dell'Agenda 2030, il cambiamento climatico? Due sono gli interventi. Il Primo di Carlo Carraro, Presidente della European Association of Environmental and Resource Economist e membro dell'IPCC. Dice che l'Italia ha rallentato il suo impegno verso la sostenibilità, la mitigazione delle emissioni e il cambiamento climatico e che le prospettive non sono incoraggianti né si vede un leader che abbia la visione necessaria di fronte alla gravità dei problemi. Preoccupa che, a differenza dei paesi europei  più avanzati,  non si vede traccia della sostenibilità in nessuno dei programmi elettorali per la prossima consultazione europea (ascolta l'intervento di Carraro).

Il secondo del Segretario Confederale della Cisl Angelo Colombini a nome unitario dei tre sindacati CISL che ha indirizzato il suo intervento sul problema della transizione giusta, un problema relativo essenzialmente al modello di trasformazione e protezione dell'occupazione nei paesi industrializzati nella fase della transizione che comporta comunque l'abbandono delle tecnologie energetiche e trasportistiche che fanno uso dei combustibili fossili. Che fa ad esempio l'Italia che dichiara di abbndonare il carbone entro il 2025 con gli operai delle grandi centrali, Civitavecchia, Brindisi, che occpano un personale pari a quattro volte quello che necessita per centrali a gas di pari potenza? (ascolta l'intervento di Colombini).

TORNA SU

 

CLIMA

15 marzo 2019. Lo sciopero per il clima e la presa di posizione di Energia per l'Italia

I due eventi, la manifestazione e la denuncia del ritardo del nostro Paese sul fronte della lotta ai cambiamenti climatici,  sono non casualmente concomitanti. Nel dare il più grande e commosso riconoscimento al movimento Friday for Future e a Greta Thunberg il Comitato scientifico continua nel suo umile lavoro di fabbricazione di concetti e parole in favore dello sviluppo sostenibile. Certo è che ci auguriamo che Greta, con poche parole e pochi concetti, sappia fare molto di più e più in fretta.

Gli studenti di Friday for Future oggi a Piazza Venezia

Il gruppo di scienziati bolognesi guidati da Vincenzo Balzani pubblica per questa occasione un documento sulla posizione italiana e sul Piano Energia e Clima, il PNIEC che ne denuncia l'inadeguatezza, non diversamente da quanto stanno facendo gli studenti nelle scuole e nelle strade. Questi i concetti principali:

  • In base agli accordi di Parigi e al successivo riesame della situazione presentato a Katowice si devono ridurre le emissioni di CO2 del 45% entro il 2030 e a zero al 2050. Il primo obiettivo che ogni Paese dovrebbe proporsi oggi è quindi una rapida transizione energetica. Non sembra che il Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima presentato dal Governo sia molto efficace per svolgere questo compito, poiché non prevede e tanto meno propone una forte riduzione dell’uso dei combustibili fossili e una forte espansione delle rinnovabili. Nel Piano sono presentate molte proposte sulle quali non si può che essere d’accordo, come, ad esempio, la necessità di riorganizzare e potenziare i sistemi di accumulo, l’autoconsumo e la formazione di comunità energetiche. Altri punti pienamente condivisibili sono: l’urgenza di superare le attuali criticità nella distribuzione dell’energia e nell’integrazione del mercato, l’individuazione di meccanismi per risolvere il problema della povertà energetica, la necessità di aumentare i fondi e ridurre la frammentazione nei finanziamenti delle ricerche sull’energia e di promuovere un’azione di informazione e formazione delle persone.

  • Chi si aspettava però un Piano capace di riportare l’Italia nella rotta giusta e di rispondere all’ultima chiamata degli scienziati (IPCC SR15, ndr.) rimarrà deluso. La previsione di raggiungere con le rinnovabili 187 TWh nel 2030, il 38.7% della produzione elettrica, è deludente e notevolmente inferiore, ad esempio, alla previsione del Coordinamento FREE (210 TWh). Nel Piano non c’è traccia della carbon tax, provvedimento molto delicato, ma necessario per la transizione energetica.

  •  Nel periodo 2021-2030 il consumo di energia si dovrebbe ridurre di circa 51 Mtep. Il Piano afferma che si raggiungerà questo obiettivo risparmiando ogni anno lo 0,8% di energia rispetto ai consumi dell’anno precedente. Il Piano prevede grandi risparmi di energia termica derivanti da una forte diffusione delle reti di teleriscaldamento alimentate da centrali termoelettriche a cogenerazione, biomasse, o termovalorizzazione dei rifiuti, mentre insiste molto meno sulla opportunità di diffondere l’uso del solare termico e delle pompe di calore.

  • Nel settore dei trasporti le politiche del Piano sono deludenti. Anzitutto c’è un equivoco, purtroppo molto diffuso, dovuto anche a disposizioni di legge precedenti: si parla di “carburanti alternativi” indicando con questo nome biocarburanti, elettricità da rinnovabili, idrogeno e a volte anche gas naturale, cose che non potrebbero essere più diverse fra loro.Il Piano è chiaramente orientato per continuare con l’uso dei combustibili fossili. Manca qualsiasi accenno a una data indicativa per il phase out dei veicoli a benzina e diesel, fissata per il 2025 in Olanda e per il 2040 in Francia e Regno Unito.

  • I biocarburanti non possono giocare un ruolo importante nelle transizione energetica perché l’efficienza della fotosintesi naturale è molto bassa (0,1-0,2%) e la ricerca scientifica mostra che non è possibile aumentarla in modo significativo. L’efficienza di conversione dei fotoni del sole in energia meccanica delle ruote di un’automobile (sun-to-wheels efficiency) è più di 100 volte superiore per la filiera che dal fotovoltaico porta alle auto elettriche rispetto alla filiera che dalle biomasse porta alle auto alimentate da biocarburanti. La cosa non meraviglia perché i motori elettrici, oltre a non produrre CO2, non inquinano, sono quattro volte più efficienti dei motori a combustione interna, sono molto più facili da riparare e meno costosi da mantenere. Un ultimo grande vantaggio dell’alimentazione elettrica è che l’energia si può ottenere senza occupare suolo agricolo, ma collocando i pannelli fotovoltaici sui tetti e su altre aree inidonee alla agricoltura.

  • L’intendimento del Piano, già contenuto nella Strategia Energetica Nazionale del precedente governo, è fare dell’Italia un hub del gas. Ma il consumo di gas, che era di circa 85 Gmq all’anno nel periodo 2005-2008, è diminuito negli ultimi anni (75,2 Gmq nel 2017). Le previsioni SNAM sono per un consumo di 74,3 Gmq nel 2027 e per una più decisa diminuzione negli anni successivi (70.9 Gmq nel 2030). Gli attuali canali di fornitura del metano sono, dunque, più che sufficienti.

TORNA SU

 

SVILUPPO SOSTENIBILE

   27 Febbraio 2019. Lo sviluppo sostenibile nella visione dei partiti politici

 

Nella cornice della presentazione alla Camera dei deputati, del suo Presidente Fico e del Presidente del Consiglio Conte del Rapporto ASviS "La Legge di Bilancio 2019 e lo sviluppo sostenibile" (vedi il resoconto nel sito) i partiti politici sono stati richiesti di esporre pubblicamente il loro posizionamento rispetto allo sviluppo sostenibile ed al modello italiano di governance. In particolare è stato loro chiesto un parere sulla introduzione dello sviluppo sostenibile nella prima parte della Costituzione, per la quale il PD ha presentato una proposta di legge. Tutti i partiti hanno espresso la loro condivisione meno i due di governo. La Lega è contraria, i 5 stelle ci "devono pensare". Di seguito, nell'ordine degli interventi, riassumiamo per concetti le principali posizioni di tutti i partiti. In rosso le affermazioni contrarie alla sostenibilità.

Forza Italia, Mariastella Gelmini

  1. Il Reddito di cittadinanza non sconfigge la povertà.

  2. Bene per la introduzione degli indicatori BES di Benessere equo e sostenibile nel DEF, ma il PIL non va archiviato. Il BES è al più complementare al PIL.

Rossella Muroni, Liberi ed eguali

  1. Gli SDG sono tutt'altro che generici. Richiedono una visione ed una strategia molto forte. Su di essi non si può fare melina.

  2. Essere in favore dello sviluppo sostenibile significa essere per l'Europa.

  3. è essenziale l'empowerment femminile. Le donne sono protagoniste, in particolare nella lotta ai cambiamenti climatici.

5 Stelle, Gianni Girotto, Presidente della Commissione Industria del Senato

  1. Non è vero che non abbiamo introdotto lo sviluppo sostenibile nelle politiche di governo. Infatti abbiamo introdotto l'analisi costi/benefici in tutte le decisioni.

  2. La tecnologia definisce la società e caratterizza lo sviluppo. Oggi l'intelligenza artificiale e la blockchain sono i protagonisti dell'innovazione tecnologica.

  3. Nella transizione energetica stiamo eliminando gli ostacoli all'autoproduzione. In particolare abiliteremo i condomini a vendere l'energia rinnovabile prodotta sui propri tetti che in Italia ha una potenzialità di 70 GW a fronte di un installato che oggi è di 19 GW.

  4. La mobilità attuale è un insulto alla termodinamica (?). Oggi spostiamo 1500 kg per la mobilità di una persona. La nostra politica di incentivazione non è tanto per l'auto elettrica quanto per dimezzare il numero dei veicoli privati potenziando il TPL.

  5. Puntiamo sulle FER. Il gas naturale è un equivoco che produce esternalità negative come ogni altro fossile.

  6. L'impegno della finanza per gli investimenti nello sviluppo sostenibile e nella decarbonizzazione è insufficiente.

  7. Il PIL non è un  indicatore adeguato, secondo la lezione di Kennedy.

Partito Democratico, Graziano Delrio, Capogruppo alla Camera

  1. Non la tecnologia ma la formazione è la chiave dello sviluppo sostenibile. La tecnologia non abbatterà la povertà né renderà sostenibile la società.

  2. La povertà è figlia della crisi. Il nostro Reddito di inclusione è stato tardivo e d insufficiente. Ci batteremo per un Reddito di cittadinanza realmente efficace.

  3. Chiediamo l'abolizione del cipe, un inutile sovrastruttura che ritarda gli investimenti. Riteniamo quindi inutile la trasformazione del CIPE in un Comitato interministeriale per lo Sviluppo sostenibile.

  4. La parità di genere nelle istituzioni è in rapido peggioramento.

+ Europa, Alessandro Fusacchia

  1. Le politiche del Governo sono in fase di bulimia propositiva senza nessuna attenzione alla delivery.

  2. L'istruzione è l'aspetto fondamentale dello sviluppo sostenibile e non è vero che nell'era dell'intelligenza artificiale la scuola è un'istituzione obsoleta.

  3. L'empowerment femminile è in pericolo. Il DdL Pillon è un incubo. Si vada a provvedimenti effettivi, si porti a tre mesi il congedo maschile di paternità.

Lega, Alberto Bagnai, Presidente della Commissione Finanza e Tesoro del Senato

  1. Prima di mettere lo sviluppo sostenibile nella Costituzione togliamo l'obbligo del pareggio di bilancio.

  2. L'Agenda 2030 non è al centro dei miei pensieri. Vive in una sua dimensione retorica che, in nome del politically correct, vuole mettere a tacere le voci di dissenso.

  3. L'Agenda 2020 ha largamente fallito i suoi obiettivi occupazionali. Cosa potrà mai fare l'Agenda 2030? (Confonde EU ed ONU!)

  4. Ho delle resistenze culturali alla sostenibilità che è una eredità Malthusiana.

  5. Ho forti riserve sull'Unione Europea. L'ONU ha fallito nella sua pretesa di governance sovranazionale. Nessuno dei due è indispensabile per lo sviluppo.

  6. Affiancare il BES o magari la felicità lorda (GNH, Buthan) al PIL è tempo perso. Piuttosto, nelle contabilità nazionali,  togliamo gli investimenti sul capitale umano dai consumi e spostiamoli sugli investimenti.

  7. Il PD è responsabile della povertà, non la crisi. Tutti sanno (?) che le crisi si gestiscono. Il PD ha portato il debito pubblico dal 100 al 132% del PIL.

  8. Sono un keinesiano vecchia maniera che ... (?)

Fratelli d'Italia, Guido Crosetto

  1. Siamo i più favorevoli allo sviluppo sostenibile.

  2. Per evitare che gli SDG siano ridotti a slogan di moda nei convegni, occorre lavorare sull'immaginario collettivo, a livello della sensibilità dei cittadini.

TORNA SU

 

INTELLIGENZA ARTIFICIALE

 Febbraio 2019. I misteri che non sono misteri: la blockchain

"Le decisioni della finanza internazionale vengono sempre più spesso prese mediante l'intelligenza artificiale. Ma essa non è per ora in grado di interiorizzarei principi dello sviluppo sostenibile" Francesco Starace, AD ENEL, 27 febbraio

Molto spesso gli artifizi dell’informatica creano un alone di mistero intorno a sé e con esso coorti di adoratori più o meno disinteressati. Fu il caso della new economy, dell’intelligenza artificiale ed ora della blockchain. Crediamo opportuno dissolvere queste come altre cortine di incomprensione verso le nuove tecnologie. Per questo l’appunto che segue può essere d’aiuto. Ovviamente maneggiare queste tecnologie è un’altra storia, ma tra maneggiare ed essere maneggiati c’è una bella differenza.

La blockchain è una delle più celebrate tecnologie del momento. Ma cos'è? La prima grande applicazione della tecnologia blockchain è il bitcoin, una delle monete digitali in criptovaluta, creata nel 2009. Il bitcoin viene attribuito a Satoshi Nakamoto che non si sa chi sia né se è una persona o un gruppo. La sua visione si trova nel libro bianco di fine 2008, Bitcoin: A Peer-to-Peer Electronic Cash System. Utilizzeremo il bitcoin per raccontare la tecnologia blockchain.

La blockchain è un database crittografato e non modificabile né dagli utenti né da eventuali intromissioni che nel bitcoin è sostanzialmente un libro mastro pubblico che ritiene una traccia indelebile ogni transazione che ha avuto luogo. Non può essere alterato o modificato in modo retrospettivo. Pubblico lo si definisce perché non è emesso da un'autorità centrale né da un soggetto privato o da un cartello. Nel bitcoin è stato fissato un limite di 21MɃ, e, a metà 2018 sono in circolazione circa 17 MɃ. Il Ƀ è stato spesso utilizzato per acquistare prodotti illeciti, droghe, armi, etc. La blockchain di Ƀ è gestita da una rete di persone note come miners, nodi della rete web che risolvono in competizione i complessi problemi di crittografia per accreditare una transazione Il vincitore riceve un premio in Ƀ. Ogni transazione Ƀ proviene da un portafoglio che ha una chiave privata di accesso, cioè una firma digitale, e deve essere accompagnata da una prova matematica che la transazione proviene dal proprietario del portafoglio. Le singole transazioni sono raggruppate in un blocco, costruito con rigide regole crittografiche. Il blocco viene inviato alla rete bitcoin, che convalida le transazioni attraverso complessi algoritmi matematici. Il blocco validato viene aggiunto ai blocchi precedenti creando una catena di blocchi da cui il nome blockchain.

Lo schema Ƀ originale di Nakamoto è il seguente. Non provate nemmeno ad interpretarlo, vi scoraggerebbe.

La blockchain è a prova di manomissione. Ogni blocco che viene aggiunto alla catena porta un riferimento rigido e crittografico al blocco precedente che è parte del problema matematico che deve essere risolto per portare il nuovo blocco nella catena. Gli algoritmi elaborano un numero casuale, il nonce, che, combinato con altri dati come la dimensione della transazione, crea un'impronta digitale crittografata chiamata hash. Ogni hash è unico e deve soddisfare determinate condizioni crittografiche per completare il blocco e aggiungerlo alla catena. Se lo si volesse manomettere occorrerebbe riestrarre gli algoritmi crittografici di ogni blocco precedente. Nel bitcoin ce ne sono mezzo milione e quindi la decrittazione è di fatto impossibile.

Ora è chiaro che si tratta di un database bloccato di eventi qualsiasi. Il meccanismo di blocco richiede risorse enormi di lavoro, conoscenze, capacità, soldi ed energia, ma alla fine pare aver convinto molti della sua efficacia.

La blockchain di Ƀ registra tutte le transazioni in bitcoin, non consente pagamenti ripetuti e richiede a più parti di autenticare i movimenti in Ƀ. Poiché non è centralizzata, anche se una parte di essa è compromessa, non collassa l'intera rete, come già avviene per Internet. I database ​​di proprietà di entità aziendali e governative non sono viceversa accessibili al pubblico e sono di fatto aperti a frodi o attacchi che possono paralizzare la rete o saccheggiare i dati.

I problemi non mancano. Nel bitcoin i tempi e i costi delle transazioni sono aumentati a dismisura e la rete è congestionata. Divergenze di vedute tra gli utilizzatori hanno portato a biforcazioni della blockchain. Sono nate la Cash bitcoin e la Gold bitcoin. Niente di male ma il numero di nodi diminuisce e in teoria, se un nodo controlla più della metà del potere di estrazione di una criptovaluta, potrebbe potenzialmente falsificare il registro della blockchain, come è successo con la variante Gold. C’è materiale illecito seppellito nella blockchain Ƀ in cui si sono trovati contenuti come la pornografia infantile, crittografati allo stesso modo e quindi molto difficili da trovare. Per i costi di energia e lavoro Wall Street stima che il prezzo minimo remunerativo è di 8 $ per Ƀ, ma se Ƀ rimane al di sotto per un lungo periodo di tempo, molti miner potrebbero allontanarsi, causando un ulteriore aumento dei tempi di transazione.

Questo tipo di volatilità non è chiaramente adatto per le imprese. Pertanto, molte aziende hanno iniziato a sviluppare in proprio la tecnologia blockchain al fine di avere un registro delle attività condiviso, rendere le transazioni più efficienti, un numero ridotto di parti intermedie coinvolte e minori costi di elaborazione.

Un certo numero di sviluppatori ha creato piattaforme blockchain per le aziende interessate. Tra esse le piattaforme Ethereum, specializzata in contratti smart con una propria criptovaluta, Ripple, che produce xCurrent e gestisce la criptomoneta XRP per le transazioni valutarie internazionali, poi ancora Hyperledger, IBM, R3 etc.

Sono note due applicazioni bancarie importanti, segnalate da CNBC, la Santander e la BBVA.

La Santander ha lanciato un servizio noto come One Pay FX che funziona sulla piattaforma Ripple. Consente ai clienti di inviare denaro da una valuta all'altra in un certo numero di paesi, tra cui la Spagna, il Regno Unito, il Brasile e la Polonia. I clienti possono vedere quanti soldi arriveranno e il costo della transazione nella loro app.

La BBVA ha realizzato un progetto pilota nel quale ha emesso un prestito di 75 M€ utilizzando la blockchain in partnership con una società chiamata Indra costruendo un proprio sistema che usa moneta corrente sulla piattaforma Ethereum. BBVA stima un risparmio di tempo del 50% quando si emette un prestito sulla blockchain rispetto al processo tradizionale.

Come si diffonderà la blockchain? Qualsiasi soggetto che spera di rendere i processi più economici, veloci, tracciabili e sicuri può essere interessato. Il gruppo di borsa Nasdaq ha collaborato con la banca svedese SEB per provare una piattaforma di negoziazione di fondi comuni basata su blockchain. La tecnologia può anche essere utilizzata per tracciare i prodotti lungo l’intera catena del valore di una corporate. Le elezioni sono un altro spazio a cui potrebbe essere applicata la tecnologia blockchain. Nelle elezioni primarie della West Virginia a maggio 2018, alcuni elettori hanno potuto votare tramite una piattaforma mobile basata su blockchain.

Per informazione del lettore, la piattaforma italiana Rousseau dell’azienda milanese Casaleggio associati, dimostratasi manipolabile e vulnerabile, non usa la blockchain ma vorrebbe farlo e sta a tale scopo raccogliendo fondi importanti tra i militanti 5*.

TORNA SU


 

CLIMA

8 gennaio 2019. Pubblicato il Piano nazionale integrato per l’energia e il clima per il periodo 2021-2030

 

Atteso da molto tempo per fare ordine nelle prospettive italiane su energia e clima, viene inviato finalmente alla Commissione Europea il testo del  documento, che tutti gli Stati membri sono tenuti a produrre, secondo quanto stabilito nel  Pacchetto UE Energia pulita nelle le cinque dimensioni dell’Energy Union decarbonizzazione, efficienza energetica, sicurezza energetica, mercato interno dell’energia, ricerca, innovazione e competitività. Il Piano dovrà essere adottato entro il 31 dicembre 2019 dopo l'approvazione formale della Commissione alla quale, ogni due anni, il nostro Paese  dovrà riferire sui risultati ottenuti. Una volta approvato dalla Commissione, il Piano PNIEC si dovrà ritenere vincolante.

Per dichiarazione del sottosegretario allo Sviluppo economico con delega all’Energia Davide Crippa, il Piano intende dare attuazione a una visione di ampia trasformazione dell’economia, nella quale la decarbonizzazione, l’economia circolare, l’efficienza e l’uso razionale ed equo delle risorse naturali rappresentano insieme obiettivi e strumenti per una economia più rispettosa delle persone e dell’ambiente. Siamo riusciti nei tempi previsti  prossimi 10 anni. Il merito va ad un cambiamento radicale nell’approccio alla politica energetica e all’eccellente lavoro di squadra che ha coinvolto tecnici e policy maker di Mise, Mattm, Mit, Gse, Ispra, Enea, Politecnico di Milano e Arera. Il Piano – ha aggiunto Crippa – è uno strumento che per raggiungere i propri obiettivi avrà bisogno del sostegno e della collaborazione attiva da parte di tutti gli stakeholder, sia nella fase di predisposizione che di realizzazione. Per questo, prevediamo una consultazione a tutti i livelli e, soprattutto, con le parti interessate, comprese le parti sociali.

La gestione del Piano sarebbe affidata ad una apposita struttura di dialogo e confronto che coinvolgerà i ministeri dello Sviluppo economico, dell’Ambiente, delle Infrastrutture e le Regioni, ma anche altri ministeri indispensabili come  i ministeri dell’Economia, dei Beni Culturali, delle Politiche Agricole, dell’Istruzione e del Lavoro.

Secondo il RES Magazine di Roberto Moneta, vicino al Ministero per lo sviluppo,  dall’attuazione del Piano viene stimato al 2030 un aumento dell’occupazione permanente nella produzione di energia di circa 6.700 unità, effetto di un calo di 6.000 occupati nel campo fossile e di un aumento di circa 12.700 unità nelle rinnovabili di cui 9.450 nel solo solare. Il piano stima nel 2017-30 investimenti medi annui di circa 12 Mld, di cui 2 nel fotovoltaico, che produrranno un valore aggiunto di circa 6.700 Mld l’anno, un gettito fiscale di 2 Mld/anno e 74.900 occupati permanenti all’anno. L’Italia si è impegnata a raddoppiare il valore del portafoglio delle risorse per la ricerca pubblica in ambito clean energy, dai circa 222 Mln€ nel 2013 ai circa 444 Mln€ a partire dal 2021. Tra le aree di ricerca e sviluppo su cui concentrarsi, il Piano indica il solare fotovoltaico e a concentrazione e, più in prospettiva, l’energia del mare, i sistemi per l’accumulo, i dispositivi d’impianto per la sicurezza del sistema elettrico, la mobilità elettrica, le bioraffinerie, materiali, processi e sistemi per l’efficienza energetica dell’industria e degli edifici.

TORNA SU

 

CLIMA

 

3 dicembre 2018. Si apre la COP24 a Katowice, nel cuore carbonifero dell'Europa

Delegati di 200 nazioni sono arrivati ​​a Katowice in Polonia per iniziare due settimane di colloqui per la Conferenza delle Parti di quest'anno (COP24). I colloqui anticipano la scadenza di fine anno per produrre il "libro delle regole" dell'Accordo di Parigi sulla limitazione dell'innalzamento delle temperature globali tra 1,5 e 2 °C. La posizione geografica di Katowice nel cuore del paese carbonifero polacco, a pochi km dalla centrale di Belchatow, la più grande di Europa (nella figura),  è una specie di contraddizione in termini o, forse, un atto di coraggio dal momento che la Polonia genera l'80% della sua elettricità dal carbone. Il governo polacco che presiede la COP 24 fa dichiarazioni rassicuranti ma quanto veritiere? Una impresa carbonifera di proprietà statale è uno degli sponsor ufficiali dei colloqui. La Polonia prevede di utilizzare l'evento di apertura ufficiale della COP 24 per promuovere una dichiarazione che chieda una transizione giusta per le industrie dei combustibili fossili che devono affrontare tagli e chiusure per ridurre le emissioni di gas serra in un quadro di alternative per l'energia e l'occupazione che devono essere pianificate e governate.

A Katowice alla COP24 si concentreranno gli sforzi per portare il mondo più vicino al raggiungimento degli obiettivi dell'Accordo di Parigi ma, purtroppo, le aspettative sono scarse e i colloqui iniziano in un momento in cui il cambiamento climatico non è una priorità sul palcoscenico globale. La Casa Bianca sta capitanando un manipolo di grandi paesi che hanno dei dubbi sull'accordo di Parigi e l'intenzione degli Stati Uniti di recedere dall'accordo sul clima di Parigi ha di fatto creato la copertura politica affinché altri possano rallentare i loro impegni. Per contro la Germania presenterà un'iniziativa per attirare maggiori investimenti privati ​​in progetti in Africa e altrove, impegnandosi a spendere altri 1,5 Mld€ per la protezione del clima; la Banca Mondiale ha comunicato  200 Mld$ di investimenti in azioni per il clima per il 2021-25, raddoppiando il suo attuale finanziamento quinquennale. In vista dei colloqui, il principale delegato sul clima della Cina ha invitato i partecipanti ad utilizzare i più elevati standard ambientali per ridurre le emissioni dei progetti infrastrutturali. L'Europa, dal canto suo, si presenta alla COP 24 con un documento che rinnova la sua Strategia 2050 e propone la completa decarbonizzazione per quella data. Vedremo!

> Vai al resoconto della COP 24

TORNA SU

 

 

CLIMA

 

28 novembre 2018. I nuovi dati dell'Emissions Gap Report dell'UNEP

La UN Environment (UNEP) pubblica il suo Rapporto Emissions Gap 2018 ribadendo per l’ennesima volta che i paesi non stanno adottando le misure necessarie per evitare i peggiori effetti dei cambiamenti climatici e che gli impegni presi nell'Accordo di Parigi 2015 non saranno raggiunti a meno che i governi non introducano urgentemente misure addizionali. C'è ancora un enorme divario tra parole e fatti, tra gli obiettivi concordati dai governi e le misure per raggiungere questi obiettivi. Saranno probabilmente necessarie nuove tasse sui combustibili fossili, investimenti nelle tecnologie pulite e politiche governative molto più forti per ridurre le emissioni. I governi devono anche smettere di sovvenzionare direttamente e indirettamente i combustibili fossili.

Le emissioni devono essere ridotte di un quarto entro il 2030 per mantenere il riscaldamento a non più di 2 °C rispetto ai livelli preindustriali e per gli 1,5 °C dovrebbero essere dimezzate. Si parla di triplicare lo sforzo per mantenere il riscaldamento a meno di 2 °C. Le emissioni di gas serra hanno continuato il loro aumento a lungo termine lo scorso anno e quest’anno. Si erano bloccate poco dopo la crisi finanziaria globale di un decennio fa, poi hanno ripreso rapidamente la loro ascesa. Per tre anni prima del 2017 sono scese ancora una volta, ma l'anno scorso c'è stato un aumento e dovrebbero aumentare ulteriormente quest'anno. Ci sono però segnali promettenti, come gli investimenti del settore privato nelle energie rinnovabili e nelle altre tecnologie per ridurre il carbonio, ma sono ancora insufficienti. Le emissioni globali hanno raggiunto livelli storici a 53,5 GtCO2eq e, nonostante un livellamento nell'ultimo decennio, non mostrano segnali di un prossimo peaking.

Il rapporto è arrivato il giorno dopo che Donald Trump ha smentito l'ultimo rapporto della sua stessa amministrazione che avverte del grave rischio di non agire per tempo sui cambiamenti climatici. Il mese scorso, il Panel IPCC ha messo in guardia contro i temibili effetti di consentire al riscaldamento globale di raggiungere 1,5 °C sopra i livelli preindustriali che innescano innalzamenti del livello del mare, siccità, inondazioni e altri eventi meteorologici estremi. Il mondo ha poco più di un decennio per ridurre le emissioni di gas serra prima che tali pericolosi livelli di riscaldamento siano raggiunti. Solo 57 paesi, che rappresentano il 60% delle emissioni globali di gas serra, sono sulla buona strada per raggiungere il picco delle loro emissioni prima del 2030. Secondo il UK MetOffice le inondazioni diventeranno probabilmente più gravi e le estati potrebbero diventare più calde di 5 °C entro 50 anni.

L'allarme dell'UNEP arriva prima dei colloqui chiave in Polonia del mese prossimo, quando i governi si incontreranno alla COP 24 per scrivere il manuale di istruzione degli impegni presi a Parigi nel 2015. Secondo l’UNEP i governi, se adottano misure di politica fiscale per sovvenzionare alternative a basse emissioni di carbonio e tassare i combustibili fossili, possono stimolare i giusti investimenti nel settore energetico e ridurre significativamente le emissioni di carbonio. Se tutti i sussidi per i combustibili fossili venissero eliminati, le emissioni globali di carbonio potrebbero essere ridotte fino al 10% entro il 2030. La tariffazione del carbonio è un modo per raggiungere questo obiettivo, ma ha incontrato difficoltà poiché le imposte sono spesso impopolari, come dimostrano le recenti vicende dei gilet jaune in Francia, e i regimi per ridurre il carbonio attraverso lo scambio di emissioni sono spesso contestati dalle imprese e da altri interessi. Un altro problema è che infrastrutture come gli edifici, le reti di trasporto e la generazione di energia, che ora sono costruite per fare affidamento sui combustibili fossili, continueranno le loro emissioni per tutta la vita utile dell'infrastruttura, fino anche a 50 anni. Cambiare è quindi essenziale, ma molte aziende e governi fanno ancora affidamento su vecchie misure di rendimento economico e vecchi metodi per generare energia e costruire edifici. La finestra dell'opportunità sta iniziando a chiudersi e se non riusciamo ad agire ora l'opportunità sarà sparita. Gli investitori comprendono l'opportunità offerta dal passaggio a un'economia a basse emissioni di carbonio. I giusti segnali dei governi dovranno aiutare a sbloccare gli investimenti low carbon del settore privato.

TORNA SU

 

 

GREEN ECONOMY 20 novembre 2018. Edo Ronchi:  i 100 inceneritori sbandierati, uno per provincia, sono solo un’enorme sciocchezza

Quindi il problema della gestione dei rifiuti in Italia sarebbe oggi di fronte ad una scelta decisiva: 100 inceneritori, almeno uno in ogni provincia? Cominciamo con alcuni numeri (Rapporto sui rifiuti urbani ISPRA 2017): in Italia il 46% dei rifiuti urbani è riciclato (il 26% con recupero di materia e il 20% con trattamento biologico e compostaggio); il 25% è smaltito in discarica e il 20% è incenerito o coincenerito, l’8% è gestito in altro modo (biostabilizzato, per la copertura di discariche ecc.) e l’1% viene inviato all’estero.

Stiamo per recepire una nuova direttiva europea per lo sviluppo dell’economia circolare che ci obbligherà a ridurre la produzione di rifiuti, a riciclare, entro il 2030, almeno il 65% dei rifiuti urbani e a ridurre lo smaltimento in discarica a non più del 10%. Dovremo quindi prendere provvedimenti per ridurre gli sprechi alimentari, ridurre l’uso di prodotti e contenitori monouso, contrastare l’obsolescenza programmata e puntare su prodotti a più lunga durata, rafforzare la riparabilità e il riutilizzo. E adottare misure per far crescere il riciclo, aumentando e migliorando le raccolte differenziate, la riciclabilità dei prodotti, le tecnologie e gli impianti di trattamento e riciclo. Così facendo, come sta già avvenendo in diverse province, si supererà il minimo del 65% e si arriverà almeno al 70% di rifiuti urbani riciclati. Il riciclo dei rifiuti è prioritario non solo per la normativa europea, ma perché è più conveniente dell’incenerimento: per il risparmio di materia, di energia e di emissioni e perché consente migliori risultati economici e occupazionali. Col riciclo al 70% e lo smaltimento in discarica al 10%, con una riduzione dei rifiuti per le misure che dovremo adottare, la quota rimanente per l’incenerimento resterà, al massimo, intorno al 20% attuale, ma in quantità assoluta dovrà diminuire.

Dei 41 inceneritori funzionanti in Italia, 26 sono al Nord dove, complessivamente, l’incenerimento supera il 26% dei rifiuti urbani prodotti: una capacità di incenerimento in eccesso rispetto alla nuova direttiva europea. L’incenerimento, nell’economia circolare, non sarà più impiegato per smaltire i rifiuti tal quali, ma sarà ridotto, limitato agli scarti trattati dei processi di selezione e di riciclo, non riciclabili con le tecnologie disponibili. Nel prossimo decennio o si ridurrà l’uso degli inceneritori del Nord, come avviene già in altri Paesi europei che hanno puntato in passato molto più di noi sugli inceneritori, o questi bruceranno altri rifiuti, non solo urbani, provenienti da altre Regioni o da altri Paesi. Al Centro e al Sud potrebbe essere utile qualche inceneritore in più per gli scarti non riciclabili e per evitare nuove discariche, ma si tratta comunque di pochi impianti: i 100 inceneritori sbandierati, uno per provincia, sono solo un’enorme sciocchezza. La principale carenza di impianti al Centro e al Sud è quella per il trattamento della frazione organica, con produzione di compost e di biometano. Per aumentare il riciclo servono imballaggi più facilmente riciclabili, impianti e migliori tecnologie per il riciclo delle plastiche, sono necessari maggiori sbocchi per i materiali riciclati ed anche una rapida soluzione del buco normativo aperto in materia di end of waste che sta causando gravi difficoltà a molti impianti di riciclo.

da Huffington Post

TORNA SU

 

CLIMA

 

8 ottobre 2018. Lo IPCC presenta l'atteso Rapporto speciale SR15 sugli impatti del riscaldamento terrestre di 1,5 °C a fine secolo (> vai al commento nella pagina del clima)

Per molti anni, dopo la COP 15 di Copenhagen 2009,  l'obiettivo di fatto per i responsabili politici globali è stato limitare il riscaldamento globale a non più di 2 °C rispetto ai livelli preindustriali. L'obiettivo era stato formalizzato a Cancùn alla conferenza sul clima delle Nazioni Unite in Messico nel 2010. Durante i colloqui sul clima svoltisi a Bonn nel maggio 2015, l'ONU aveva pubblicato un nuovo rapporto in cui avvertiva che il limite dei 2 °C non sarebbe stato adeguato per evitare alcuni degli impatti più gravi dei cambiamenti climatici. Raccomandava, pur in assenza di risultanze scientifiche probanti, che si facessero sforzi per spingere la linea di difesa il più in basso possibile.

A dicembre 2015 a Parigi, 195 paesi hanno approvato l'accordo, che comprende l'obiettivo a lungo termine di limitare l'aumento della temperatura globale "ben al di sotto di 2 °C" e di "proseguire gli sforzi verso gli 1,5 °C". Su questo mutamento di scena hanno avuto influenza tanto gli esperti delle Nazioni Unite, quanto i governi delle piccole isole minacciate di sommersione e ormai consapevoli che alcune regioni soffrono di anomalie termiche maggiori della media globale, circostanza che oggi viene confermata. Come parte del testo dell'Accordo, la Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) ha invitato" l'IPCC a fornire una relazione speciale entro il 2018 sugli impatti del riscaldamento globale a fine secolo di 1,5 °C rispetto ai livelli preindustriali e sui percorsi di emissione relativi ai gas serra. L'IPCC ha accettato questo invito a seguito di un incontro a Nairobi nell'aprile 2016 e ha quindi redatto una bozza del rapporto durante la riunione di Ginevra nell'agosto dello stesso anno. Questo schema è stato approvato due mesi dopo durante un incontro a Bangkok dove il gruppo di esperti scientifici ha concordato sul titolo, la struttura e la portata della relazione speciale

Il Rapporto speciale sugli 1.5 °C (SR15) è stato presentato in data di oggi sotto la guida scientifica congiunta dei Gruppi di lavoro IPCC  I, II e III, con il supporto dell'unità di supporto tecnico. Viene presentato in parallelo un Sommario per i policymaker. Ci sono altre due relazioni speciali in corso di preparazione nell'ambito del Sesto ciclo di valutazione dell'IPCC. Queste relazioni speciali sui cambiamenti climatici e terra (SRCCL) e sull'oceano e la criosfera in un clima che cambia (SROCC) saranno pubblicate rispettivamente in agosto e settembre 2019. Il Rapporto speciale SR15 è composto da cinque capitoli. Il sommario per i responsabili delle politiche (SPM) si basa sui risultati principali di questi capitoli.

Il Rapporto speciale SR15 intende dare un contributo al cosiddetto dialogo talanoa che avrà luogo nel dicembre 2018 alla COP 24 che si terrà in Polonia. Il dialogo talanoa è il processo internazionale per fare il punto sugli sforzi collettivi nei confronti degli obiettivi a lungo termine dell'Accordo di Parigi e per rafforzare gli impegni dei paesi a ridurre le proprie emissioni, a predisporre misure per l'adattamento e per contribuire per la loro parte al finanziamento della lotta ai cambiamenti climatici.

TORNA SU

 

 

SVILUPPO SOSTENIBILE 4 ottobre 2018. Presentato il Rapporto Asvis 2018 sullo sviluppo sostenibile e l'Agenda 2030 in Italia

Il rapporto 2018 sullo stato di attuazione dell'Agenda 2030 non è particolarmente incoraggiante. Quest'anno è stato sviluppato con gli indicatori compositi regione per regione. I dati del rapporto sono sintetizzati anche nella nel power point del promotore, Enrico Giovannini. Lui stesso nella presentazione tenuta oggi alla Camera dei deputati (> si può vedere il filmato dell'intera manifestazione) dice: "Non ci siamo. Guardando ai dati disponibili e alle azioni concrete assunte negli ultimi tre anni, comincia a diventare evidente che difficilmente il mondo, l’Europa e l’Italia rispetteranno gli impegni presi con la firma dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. Nonostante il miglioramento che si osserva in tanti indicatori globali relativi a tematiche economiche e sociali e le azioni intraprese nella giusta direzione da parte di moltissimi Paesi, di migliaia di imprese e città, non si è ancora determinata quella discontinuità culturale e di scelte strategiche necessaria per raggiungere, entro il 2030, i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile sui quali tutti i leader del mondo si sono impegnati. Al 2030 mancano soltanto 12 anni e, accanto a significativi avanzamenti, ad esempio sul piano degli investimenti nelle energie rinnovabili o della lotta all’uso indiscriminato della plastica, si osservano preoccupanti inversioni di tendenza su temi come la fame e l’insicurezza alimentare, le disuguaglianze, la qualità degli ecosistemi, i cambiamenti climatici e i flussi migratori che ne conseguono. Non ci siamo neanche in Europa dove vigono le regole più stringenti per la tutela dell’ambiente e dei lavoratori, e dove lo Stato di diritto è maggiormente tutelato, ma un quarto della popolazione è a rischio di povertà ed esclusione sociale, le disuguaglianze non accennano a ridursi e la disoccupazione e la sottoccupazione sono molto gravi in alcuni Paesi".

Nelle figure a sinistra sono riportati quattro indici generali critici per l'Italia, la povertà, la qualità dello sviluppo, la diseguaglianza sociale e lo stato e degli ecosistemi naturali. L'andamento è al peggioramento, grave in particolare per la povertà e per lo stato degli ecosistemi naturali. A tre anni dalla firma dell’Agenda 2030 la situazione per punti è la seguente:

  • Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile adottata, ma generica e senza obiettivi quantitativi.

  • Direttiva che sposta a Palazzo Chigi il coordinamento delle politiche per lo sviluppo sostenibile, ma non attuata.

  • Impegni da parte delle forze politiche in occasione delle elezioni, ma sostanziale assenza del tema dal dibattito politico.

  • Grande mobilitazione della società civile, ma disattenzione della politica e dei media.

  • Miglioramento della base statistica.

Il Rapporto reitera una serie articolata di proposte, le più pressanti delle quali sono:

  • Inserire nella Costituzione il principio dello sviluppo sostenibile, come già fatto da diversi paesi europei.

  • Dare attuazione a una efficace Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile orientata al pieno raggiungimento dei 17 SDGs, con un forte coordinamento della PdCM.

  • Promuovere la costituzione, all’interno del futuro Parlamento, di un intergruppo per lo sviluppo sostenibile.

  • Dare attuazione concreta agli Accordi di Parigi per la lotta ai cambiamenti climatici...

  • Trasformare il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE) in Comitato Interministeriale per lo Sviluppo Sostenibile così da orientare a questo scopo gli investimenti pubblici.

  • Definire una Strategia nazionale per realizzare un’Agenda urbana per lo sviluppo sostenibile che si affianchi a quella già esistente per le aree interne, rilanciando il Comitato Interministeriale per le Politiche Urbane.

  • Raggiungere entro il 2025 una quota dell’Aiuto Pubblico allo Sviluppo pari allo 0,7% del Pil, coerentemente con gli impegni assunti dall’Italia di fronte alle Nazioni Unite.

Merita ovviamente attenzione la risposta del ministro dell'economia e delle finanze del nuovo governo, Giovanni Tria, che si è sentito chiamato in causa anche per le note vicende del DEF di questi giorni. Inizia esponendo una sua visione dello sviluppo sostenibile in quattro parti, la sostenibilità finanziaria (leggi conti in ordine e crescita), la sostenibilità sociale (il welfare e la qualità della vita), la sostenibilità a breve termine e quella a lungo termine. Di ambiente non parla. Le prime due parti e le seconde due sono in gran parte sovrapponibili, ma lui sostiene che non sono ammessi trade off tra le quattro parti. Il messaggio è chiaro, non si avrà sostenibilità senza risposte nel breve termine (le promesse elettorali?), anche per contrastare con politiche sociali adeguate il rafforzarsi di sentimenti contrari all'apertura della società e dell'economia, che portano a mercati chiusi e al protezionismo. La crescita deve essere inclusiva, altrimenti non ci sarà sviluppo perché prevarranno critiche e idee contrarie. Per le politiche invoca coerenza e cita la contraddizione tra lo sviluppo e il permanere degli incentivi ambientalmente dannosi, che costano punti di Pil. Invoca anche competenza, tanto nell'amministrazione pubblica quanto nel settore privato. Le migliori capacità tecniche son andate perdendosi negli ultimi anni. Dice che molti fondi disponibili non vengono spesi per mancanza di progetti, tanto pubblici che privati. Una transizione alla Green economy è necessaria per lo sviluppo, ma non si può fare senza innovazione né senza investimenti adeguati ed ad essa orientati. Qui invoca la creazione di agenzie nazionali per la capacitazione e l'innovazione nella pubblica amministrazione. Questo richiamo al centralismo susciterà vivaci reazioni da parte dei sindaci di Milano, Torino e Bologna e del governatore della Liguria.

Tria parla poi dei modelli econometrici in uso tanto alla Commissione Europea quanto al Governo italiano. Sono gli stessi e sono del tutto incapaci di ragionare sul futuro. Vanno bene per tormentare gli operatori per il "rispetto delle regole", ma sono incapaci di valutare i vantaggi a lungo termine delle politiche espansive, regole o no. è per questo che il Governo ha posto mano a politiche più giuste e più eque, espansive in favore della crescita, e ad investimenti massicci per l'innovazione e una green economy veramente inclusiva. Non basta risparmiare sulla spesa pubblica, occorre guidarla ed indirizzarla allo sviluppo, al welfare e alla sostenibilità. Questo è anche il motivo per il quale quest'anno gli indicatori di benessere equo e sostenibile, invocati da Giovannini a norma di legge, non saranno valutati: "Non abbiamo avuto il tempo" e neanche quello di pensare alla riforma del Cipe, come previsto da una delle ultime decisioni del governo precedente.

Nicola Zingaretti, governatore del Lazio e segretario PD in pectore, si limita a dire che siamo a metà del guado tra una concezione dell'ambiente punitiva e di rinuncia ad una nuova visione basata sullo sviluppo, sull'abbattimento delle diseguaglianze, sul welfare e sull'economia circolare. Giovanni Toti, governatore della Liguria invoca premialità e vantaggi fiscali per cittadini ed imprese che operano virtuosamente per lo sviluppo sostenibile. davvero poco incisivi gli altri interventi che si ricordano per la richiesta al Governo di più soldi per le amministrazioni locali.

TORNA SU

 

SVILUPPO SOSTENIBILE 18 Settembre 2018. Come si finanzia lo sviluppo nel sistema delle Nazioni Unite. Il Rapporto "Opening doors"

La Fondazione Dag Hammarskjöld ha presentato a Ginevra il quarto rapporto annuale sul "Finanziamento del sistema di sviluppo delle Nazioni Unite- Opening doors", un Rapporto che tenta di fornire nuove informazioni sul finanziamento delle attività di sviluppo nell'ambito del sistema delle Nazioni Unite e nel posizionamento di tali finanziamenti nell'ambito delle più ampie dinamiche di finanziamento dell'Agenda 2030. Sono passati tre anni dall'adozione dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e il finanziamento si è confermato l'elemento critico nella implementazione dei suoi 17 obiettivi. Il sistema UN appare a prima vista come relativamente semplice, dominato  dalle erogazioni di sovvenzioni per scopi concordati e dalle ricevute per le sovvenzioni. Un esame più profondo mostra che per gli obiettivi di Sviluppo Sostenibile è necessario che le risorse per le sovvenzioni delle Nazioni Unite siano posizionate in modo più strategico per avere un impatto su flussi di finanziamento molto più ampi e diversificati.

L'ambizione generale del Rapporto è di contribuire alle discussioni attuali e future relative al ruolo delle Nazioni Unite nel finanziamento dello sviluppo,  con alla mano le statistiche aggiornate e un ampio menù di idee per il cambiamento. La tabella seguente fornisce una panoramica dei cinque tipi di strumenti finanziari attualmente in uso nel sistema delle Nazioni Unite che sono essenziali per comprendere il finanziamento delle Nazioni Unite.

Il totale delle entrate del sistema delle Nazioni Unite per il 2016 era di poco inferiore ai 50 miliardi di dollari, circa tre punti percentuali del PIL italiano. Ciò rappresenta un aumento di oltre 1 miliardo di dollari rispetto all'anno precedente e di 7 miliardi di dollari USA rispetto al 2012. La crescita dei finanziamenti destinati a specifici obiettivi (earmarked) continua a superare quella dei finanziamenti di base. Nel 2016, più della metà delle entrate totali era costituita da contributi specifici (54%), mentre i contributi di base e volontari rappresentavano rispettivamente il 28% e il 10%.

Se poi esaminiamo i finanziamenti del sistema delle Nazioni Unite per funzione, vediamo che le attività operative per lo sviluppo (ODA) rappresentano il 66% (38 + 28%) del totale mentre il 14% è assegnato alla produzione di norme, standard, politiche e azioni legali globali. Allo sviluppo del sistema UN risulta destinata una quota significativa pari al 31% del totale dell'aiuto multilaterale, in gran parte sostenuta da contributi a destinazione specifica.

Andando ad esaminare come contribuiscono i paesi donatori si trovano grandi differenze. In figura vengono scomposte in percentuale le fonti di finanziamento per i primi 12 paesi donatori. Di essi non fa parte l'Italia che pure è ancora membro del G7, con buona pace di chi blatera sull'"aiutiamoli a casa loro". I dati sono forniti dall'OECD-DAC che ha l'incarico di contabilizzare gli aiuti allo sviluppo da parte dei paesi donatori, secondo la definizione degli anni '60 del secolo scorso. Il Rapporto fa notare che l'approccio "governativo" adottato dall'Agenda 2030 prevede una maggiore condivisione degli oneri per i governi e che questo contrasta con l'importanza prevalente che hanno per ora i ministeri degli affari esteri e, per esempio, con le quote minime dei ministeri dell'ambiente. All'interno dei governi la responsabilità di raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) dovrà coinvolgere molti più ministeri.

 

Il secondo capitolo della prima parte del Rapporto fornisce il quadro della spesa  dell'ONU. In particolare, fornisce dati storici per entità, così come le spese per regione e per livelli di reddito. Mostra che tra le entità delle Nazioni Unite la crescita delle spese complessive negli ultimi 11 anni è stata fortemente concentrata all'interno del Segretariato delle Nazioni Unite, ad esempio ospitando l'Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (UNOCHA) e le principali entità umanitarie delle Nazioni Unite. come l'Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM), l'UNHCR, l'UNICEF, l'Agenzia per il sostegno ai profughi della Palestina nel Vicino Oriente (UNRWA) e il Programma alimentare (PAM). Nel frattempo, nel 2016 l'Africa ha continuato a essere la regione con le spese ONU proporzionalmente più elevate (34%), seguita dall'Asia occidentale (22%), dall'Asia Pacifico (13%), dall'America latina (10%) e dall'Europa (3% ). Per quanto riguarda la spesa ONU per livello di reddito, vediamo le maggiori spese nei paesi a basso reddito, mentre il maggiore aumento rispetto all'anno precedente, in media 25 milioni di dollari per paese, è stato nei paesi a reddito medio basso. La spesa delle Nazioni Unite nei paesi a reddito medio-alto è invece leggermente diminuita. Questa cifra fornisce un interessante confronto tra le spese per lo sviluppo, le operazioni umanitarie e quelle legate alla pace e alla sicurezza in 36 paesi colpiti dalla crisi e rappresentati nella figura seguente. Concentrandosi sui primi dieci paesi, che rappresentano circa il 60% della spesa totale, solo il 16% è destinato alle attività di sviluppo, rispetto al 37% per gli aiuti umanitari e al 47% per le attività legate alla pace e alla sicurezza.

Il sottotitolo di questo Rapporto, Opening Doors, mira in sintesi a fornire un'immagine basata sui dati delle opportunità future. Ne esistono molte per i finanziamenti dell'Agenda 2030, ma solo alcune sono state intraprese.

I messaggi e i temi principali del Rapporto sottolineano l'urgenza di maggiori finanziamenti e di nuovi  accordi di finanziamento e implicano l'abbandono dalla cultura dominante delle sovvenzioni a pioggia. Richiedono un approccio significativamente diverso per definire, monitorare e misurare l'impatto degli investimenti per lo sviluppo sostenibile, che dovrà essere supportato da capacità, competenze, da un linguaggio appropriato e da un ben diverso riferimento ai dati. Il Rapporto, al proposito, ribadisce la necessità di coprire gli enormi spazi dei dati mancanti con iniziative appropriate. La nuova architettura per il finanziamento richiederà un forte impegno per la definizione di politiche basate sui fatti e su fattispecie documentate e quantificate.

Rimane ancora molto lavoro da fare per far avanzare nuove idee e nuovi approcci nei partenariati per il finanziamento dell'Agenda 2030. Il panorama degli attori e delle partnership rilevanti è radicalmente diverso da quello che ha dominato l'era degli obiettivi di Sviluppo del Millennio, gli MDG. Il problema centrale non riguarda i nuovi attori pubblici e privati ​​di per sé, ma il loro posizionamento e il ruolo che essi si aspettano e che possono giocare. Inoltre, vi è una chiara evoluzione nel posizionamento di diversi elementi della società civile. Nel complesso è necessario un ripensamento profondo dei nessi tra attori pubblici e privati ​​e flussi finanziari. L'Agenda delle riforme del Segretario generale, adottata dagli Stati membri nel 2018, è concepita con l'intento di aprire un percorso che riposizionerà il sistema delle Nazioni Unite per la promozione dello sviluppo (UNDS) per un sostegno pertinente e di grande impatto ai paesi nella realizzazione degli SDG. I nuovi e complessi elementi di finanziamento di questa visione trasformazionale saranno essenziali ed ineludibili. Ma dovranno avere la capacità di aprirle, quelle porte.

 

TORNA SU

 

ENERGIA  18 giugno 2018. Senza parole! La crescita del carbone in Cina ed India

 

Dal 2000 al 2017 la produzione elettrica a carbone della Cina è cresciuta 5 volte fino a 935 GW, la metà del totale mondiale

 

L'India è la seconda per velocità di crescita

Per una trattazione approfondita, dopo la pubblicazione del Rapporto annuale BP 2018, vai alla pagina dell'energia.

TORNA SU

 

 

ENERGIA  14 giugno 2018. Il Consiglio ambiente europeo innalza l'obiettivo per le rinnovabili 2030 al 32%

I ministri dell'Energia hanno concordato un obiettivo vincolante in materia di energie rinnovabili del 32% entro il 2030, rispetto all'obiettivo precedente del 27%obbligatorio in media europea, ma non è stato all'altezza delle speranze di alcuni paesi e alla decisione dello stesso Parlamento di ottenere una quota più ambiziosa. Si parlava infatti di almeno il 35%. L'accordo con il Consiglio dell'UE mette capo a 18 mesi di negoziati. È stato accolto con favore dall'industria delle energie rinnovabili e l'ente commerciale per i servizi energetici europei lo ha definito: "un compromesso ben bilanciato". Ma non si capisce come per questa via si possa raggiungere la decarbonizzazione completa al 2050. Nell'accordo c'è l'impegno a rivedere, ed eventualmente rialzare, tale percentuale nel 2023. Importante il riconoscimento del diritto dei cittadini di produrre la propria energia e rivenderla alla rete. (> vai alla pagina dell'energia)

 

 

SVILUPPO SOSTENIBILE      9 maggio 2018: Pubblicato il nuovo libro di Edo Ronchi sullo Sviluppo sostenibile e la transizione alla Green economy

Il Meeting di primavera, per il decennale della Fondazione, è stato dedicato alla presentazione del nuovo libro del suo presidente, Edo Ronchi nel contesto di un panel di discussant di rilevo, scelti tra i più autorevoli esponenti dell'attuale complesso quadro politico italiano. Il titolo del libro rinvia al processo in atto che trasporta il sistema economico mondiale verso un modello di Green economy sostenibile, ormai indispensabile a fronte delle gravi crisi economiche, sociali e politiche che attraversano l'umanità. In realtà è a pieno titolo un saggio sullo sviluppo sostenibile di profilo alto abbastanza per costituire un riferimento per il pensiero politico periclitante e per arricchire il ragionamento ecologico che, nel nostro paese e nella nostra lingua, sta vivendo di stenti. Sono molti i significati dell'iniziativa che si colloca a dieci anni dal lancio del programma UNEP sulla Green economy ispirato dalla volontà di contrastare la grave crisi economica appena nata con un Green New Deal di ispirazione roosveltiana. Sono i primi dieci anni di vita della Fondazione per lo Sviluppo sostenibile che promuove il Consiglio nazionale della Green economy e il progetto di transizione che esso rappresenta per l'imprenditoria italiana. La presenza delle maggiori forze politiche, è inutile dirlo, suona come un appello perché la transizione venga sostenuta nel quadro incerto che si prefigura per la politica italiana.

Il panel è stato gestito da Antonio Cianciullo, recente autore lui pure di un libro sulla "Ecologia del desiderio. Curare il pianeta senza rinunce" che, su un piano narrativo del tutto diverso, originale e stimolante, rinvia alle stesse tematiche della transizione con grande attenzione alla risposta sociale alla crisi ecologica ed economica. è intervenuto a commentare per primo il libro di Ronchi Jean Paul Fitoussi, decano della sostenibilità, protagonista con Amartya Sen e Joseph Stiglitz della elaborazione moderna del concetto dello Sviluppo sostenibile basato sul benessere e la qualità della vita ridefiniti in un nuovo quadro al contempo teorico ed operazionale. Sono poi intervenuti Andrea Orlando, ex ministro dell'Ambiente e della Giustizia, di area Partito Democratico; Giulio Tremonti, ex ministro dell'economia e delle finanze di area Forza Italia; Lorenzo Fioramonti di area 5 stelle (nella immagine),  in odore di incarico come ministro dello sviluppo del governo in costruzione e Rossella Muroni, ex presidente della Legambiente ed attuale deputata di area Liberi ed Uguali.

Dedichiamo alle tematiche della transizione secondo questo libro un editoriale della pagina della Green economy di questo sito (> vai alla presentazione analitica della "Transizione alla green economy").

TORNA SU

 

SVILUPPO SOSTENIBILE     19 Marzo 2018: Il patto Globale per l'Ambiente di Macron presentato alle Nazioni Unite

Il Presidente Francese Emmanuel Macron, in evidente chiave anti Trump, aveva presentato all'Assemblea generale delle Nazioni unite del settembre 2017 una proposta per un "Patto Globale per l'Ambiente", con l'intento di raddrizzare una governance globale del clima e dell'ambiente che, dopo Parigi, appare ostacolata dalle discutibili scelte di quello che avrebbe dovuto essere il Paese guida. Contemporaneamente, però, usciva la nuova piattaforma on line di oltre 2700 tra città, stati, aziende e università statunitensi che hanno sottoscritto l’appello We are still in affermando la volontà di dare attuazione agli impegni sottoscritti dagli USA con l’Accordo di Parigi sul Clima. Una analisi preliminare degli obiettivi fissati da alcuni Stati, città e aziende nordamericane l'iniziativa sembrerebbe in grado di coprire da sola metà degli impegni assunti dagli USA a Parigi.  

I principali obiettivi del Patto sono di inserire in un trattato giuridicamente vincolante i principi fondamentali del diritto dell'ambiente, in modo da renderli applicabili dinanzi ai tribunali nazionali;  rendere universali le principali disposizioni delle convenzioni giuridicamente vincolanti; aggiungere nuovi principi come quello di non regressione (è già la seconda volta, Kyoto, Parigi, che gli US si ritirano da un accordo promosso e firmato da loro stessi), di resilienza, etc. Il Presidente francese aveva fatto riferimento ad una Bozza di Patto già predisposta da un gruppo di esperti francesi nel giugno 2017 ed al Libro bianco prodotto in settembre. Il Presidente francese aveva ottenuto sul progetto l'impegno della Cina nel corso della sua visita del gennaio di quest'anno.

La novità è ora una raccomandazione della Commissione europea al Consiglio, in data 19 marzo,  perché l'Europa negozi il Patto in sede Nazioni Unite.

TORNA SU

SVILUPPO SOSTENIBILE     Febbraio 2018: L'utopia sostenibile

Enrico Giovannini, portavoce dell'ASVIS, pubblica da Laterza un bel volume, cui ha voluto dare il nome di "L'utopia sostenibile", che si colloca autorevolmente nel deserto scientifico e letterario delle pubblicazioni sullo sviluppo sostenibile in lingua italiana. Non è un libro dei sogni ma un blueprint che indica proposte molto concrete su come aiutare l'Italia  ad affrontare le sue tante debolezze e a spostarsi su un sentiero di sviluppo sostenibile aiutando l'Europa a fare altrettanto. Laterza ne consente l'acquisto online. Si tratta di 12 euro, praticamente un costo nullo perché tutti possano leggerlo al prezzo di una consumazione al bar sotto casa.

 

CLIMA     2018:  l'anno del "dialogo Talanoa"

Quest'anno si apre una nuova fase per l'attuazione dell'Accordo di Parigi: con il lancio ufficiale del dialogo Talanoa a gennaio i Paesi stanno ora iniziando la prima valutazione globale dello sforzo collettivo per raggiungere l'obiettivo di Parigi. Nell'accordo i bilanci globali condivisi sono una parte fondamentale dei normali cicli quinquennali per aumentare l'ambizione e l'azione. Talanoa è un tradizionale termine delle isole del Pacifico che descrive una condivisione conversazionale di idee ed esperienze che porta al processo decisionale per il bene comune. Il dialogo Talanoa mira a costruire fiducia e a stimola l'ambizione e impegno da parte dei governi a fare di più e a rafforzare i loro contributi nazionalmente determinati (NDC) entro il 2020.

Condotto congiuntamente da Figi e Polonia (difficile fare una scelta peggiore) che presiederanno le negoziazioni di quest'anno, il dialogo includerà una fase preparatoria e una fase politica di alto livello. Il dialogo cercherà di rispondere a tre domande centrali sull'azione per il clima: dove siamo? Dove vogliamo andare?  Come ci arriviamo?

Un punto chiave del dialogo saranno anche i risultati del rapporto speciale preparato dall'IPCC, atteso in ottobre, che tratterà gli impatti dell'innalzamento globale della temperatura di 1,5 °C e identificherà i possibili percorsi per limitare il riscaldamento a quel livello. Abbiamo dato un resoconto della bozza del Sommario di questo documento in queste pagine.

Diversamente dalla maggior parte dei processi formali nei colloqui sul clima delle Nazioni Unite, il dialogo Talanoa non è limitato alla discussione tra i governi nazionali. Una serie di attori non statali -  stati, regioni, città, imprese, gruppi della società civile e istituzioni internazionali - stanno giocando un ruolo chiave nella costruzione di azioni per il clima. Durante il dialogo avranno l'opportunità di evidenziare le sinergie tra le loro azioni e l'ambizione dei Paesi.

è stato reso disponibile per tutti un nuovo portale online  per far sentire le proprie opinioni sulle azioni da intraprendere.

TORNA SU

 

ENERGIA       27 Febbraio 2018. Il Consiglio Europeo modifica la normativa per il sistema cap&trade EU ETS

Il 27 febbraio 2018 il Consiglio ha approvato formalmente la riforma del sistema di scambio di quote di emissione (ETS) dell'UE per il periodo dopo il 2020.

Il sistema di scambio di quote di emissione dell'UE stabilisce un tetto massimo per i quantitativi di CO2 che l'industria pesante e le centrali elettriche possono emettere. Il volume totale di emissioni consentite è distribuito alle imprese sotto forma di autorizzazioni che possono essere scambiate. L'ETS è lo strumento fondamentale per ridurre le emissioni di gas serra in modo efficiente sotto il profilo dei costi. Istituito nel 2005, rappresenta tuttora il più grande mercato del carbonio a livello mondiale. Opera in tutti e 28 i paesi dell'UE, oltre che in Islanda, Liechtenstein e Norvegia. L'ETS limita le emissioni provenienti da oltre 11.000 impianti a elevato consumo energetico (centrali elettriche e impianti industriali) e dalle compagnie aeree che operano fra questi paesi. Copre circa il 45% delle emissioni. Fissare un prezzo per il carbonio e scambiarlo produce risultati concreti per l'ambiente: nel 2020 le emissioni provenienti dai settori coperti dal sistema saranno inferiori del 21% rispetto ai livelli del 2005.

Negli ultimi anni per effetto combinato della crisi e dell'eccesso di quote gratuite ha determinato il crollo del valore  e l'accumulo di un'ingente eccedenza di quote (EUA, in figura la serie storica di fonte Carbon Pricing Europe). Ciò deprime l'effetto di incentivazione e rallenta l'innovazione tecnologica in favore della decarbonizzazione. Potrebbe infine mettere a rischio la riduzione di almeno il 40% delle emissioni nell'UE entro il 2030 (rispetto ai livelli del 1990).

 

Come primo passo di questa riforma, si era deciso di creare una riserva stabilizzatrice del mercato per correggere l'eccedenza delle quote accumulate e il deficit della domanda. Nel luglio del 2015 la Commissione aveva presentato una seconda proposta di riforma dell'EU ETS. L'approvazione formale data dal Consiglio rappresenta l'ultima tappa del processo legislativo. I documenti di riferimento sono i seguenti:

Direttiva che modifica la direttiva 2003/87/CE per sostenere una riduzione delle emissioni più efficace sotto il profilo dei costi e promuovere investimenti a favore di basse emissioni di carbonio e la decisione (UE) 2015/1814

Riforma del sistema di scambio di quote di emissione - il Consiglio approva l'accordo con il Parlamento europeo

Revisione del sistema di scambio di quote di emissioni: il Consiglio adotta la sua posizione

Il sistema EU ETS viene riformato secondo le seguenti linee:

  • il tetto massimo del volume totale di emissioni sarà ridotto annualmente del 2,2% (fattore di riduzione lineare)

  • il numero di quote da immettere nella riserva stabilizzatrice del mercato sarà temporaneamente raddoppiato fino alla fine del 2023 (tasso di alimentazione)

  • un nuovo meccanismo volto a limitare la validità delle quote nella riserva stabilizzatrice del mercato al di sopra di un determinato livello diventerà operativo nel 2023

  • la percentuale di quote da mettere all'asta sarà del 57%, con una riduzione condizionata della percentuale di quote messe all'asta del 3% qualora sia applicato il fattore di correzione transettoriale. Se attivato, questo sarà applicato in modo coerente in tutti i settori

  • la revisione delle norme relative all'assegnazione gratuita consentirà un migliore allineamento con i livelli effettivi di produzione delle imprese, mentre i parametri di riferimento usati per determinare l'assegnazione gratuita saranno aggiornati

  • la riserva per i nuovi entranti conterrà inizialmente quote inutilizzate provenienti dal periodo in corso 2013-2020 e 200 milioni di quote provenienti dalla riserva stabilizzatrice del mercato. Fino a un massimo di 200 milioni di quote riconfluiranno nella riserva stabilizzatrice del mercato se non utilizzate nel periodo 2021-2030

TORNA SU

 

ENERGIA     Febbraio 2018. I consumi energetici europei si allontanano dall'obiettivo EU 2020

Una nota Eurostat  del Febbraio 2018 informa che l'obiettivo europeo sull'efficienza energetica al 2020 si allontana. I dati si riferiscono al 2016, ma temiamo che il 2017 non abbia corretto questo pericoloso trend. L'Unione europea si è impegnata a ridurre il consumo energetico del 20% entro il 2020 rispetto alle proiezioni secondo la Strategia EU 2020.  A conti fatti l'impegno equivale a raggiungere un consumo di energia primaria non superiore a 1483 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio (Mtep) e, di conseguenza,  un consumo di energia finale non superiore a 1086 Mtep nel 2020. Nel 2016, il consumo di energia primaria nell'UE era del 4% al di fuori dell'obiettivo di efficienza. Dal 1990, il primo anno per il quale i dati sono disponibili, il consumo è diminuito dell'1,7%. Tuttavia, nel corso degli anni, la distanza dall'energia primaria dall'obiettivo del consumo ha subito forti oscillazioni. La maggiore divergenza rispetto all'obiettivo è stata nel 2006 (16,2%, un consumo di 1723 Mtep), mentre nel 2014 si è raggiunto un minimo storico (1,7%, 1509 milioni di tep). Negli ultimi due anni il divario è aumentato di nuovo, al 4% sopra l'obiettivo del 2020, pari a un consumo di 1543 Mtep nel 2016.

Nel 2016, il consumo interno lordo di energia nell'Unione europea, che riflette le quantità di energia necessarie per soddisfare tutti i consumi interni, ammonta a 1641 Mtep,  -10,8% rispetto al picco di quasi 1840 Mtep nel 2006 e +6,1% rispetto al decennio 1996 - 2006 (in figura la serie storica). 19 Stati membri hanno aumentato il consumo di energia tra il 1996 e il 2006, ma solo due Stati membri tra il 2006 e il 2016: Estonia e Polonia (+3,2%). Grecia (-23,6%), Malta (-22,5%) e Romania (-20,2%) hanno registrato diminuzioni superiori al 20%. L'Italia, con il -18% circa, è prossima a questi valori. Deludenti Germania e Francia con progressi poco superiori alla metà dell'Italia.


 

 

 

In serie storica nel 2016 il consumo finale di energia nell'UE è stato di 1108 Mtep, superiore del 2,0% all'obiettivo di efficienza. Energia finale il consumo nell'UE è aumentato del 2,1% tra il 1990 (1085 Mtep) e il 2016 (1108 Mtep). Il livello più basso del finale il consumo di energia è stato registrato nel 2014 (1063 Mtep 2,1% al di sotto dell'obiettivo) e il più alto nel 2006 (1194 Mtep 10.0% sopra l'obiettivo). Nel 2015 l'UE ha raggiunto l'obiettivo di efficienza di 1086 Mtep, tuttavia nel 2016 i consumi sono aumentati di nuovo al 2% oltre l'obiettivo.

 

TORNA SU

 

SVILUPPO SOSTENIBILE    17 - 20 Gennaio 2018: Dal Summit di Davos del World Economic Forum  i dati dello sviluppo mondiale

 

 SVILUPPO SOSTENIBILE    Gennaio 2018: Il rischio climatico al top della graduatoria dei rischi incombenti secondo il World Economic Forum (> Scarica il Rapporto 2018 del WEF)

 

 CLIMA    12 Dicembre 2017: Il Presidente francese Macron presiede l'One Planet Summit alla Seine Musicale a Parigi

 

SVILUPPO SOSTENIBILE     21 Novembre: Eurostat pubblica il Rapporto 2017 sugli indicatori dell'Agenda 2030 (> scarica il Rapporto)

 SVILUPPO SOSTENIBILE     13 Novembre: Secondo appello della comunità scientifica mondiale per la sopravvivenza del pianeta: World Scientists’ Warning to Humanity: A Second Notice. Il primo, con 1700 firmatari, fu lanciato nel 1992

 

ENERGIA     10 Novembre 2017: Approvata per decreto la nuova Strategia Energetica Nazionale  (> leggi tutto)

    

Comitato Scientifico della

Fondazione per lo Sviluppo sostenibile

 

Via Garigliano 61a

 00198 Roma

Tel.: +39 06 8414815

info@susdef.it

 

www.fondazione

svilupposostenibile.org

 

 

 

 

 

Coordinatore: Toni Federico (email:federico@susdef.it)

  Storia e tendenze dello sviluppo sostenibile           La Green economy          Clima          Energia       Trasporti