SCHEDE DATI

homepage comitato scientifico           homepage dati

Crescita          Emissioni serra

INDICATORI E METODOLOGIE

ISSI CNEL 2005            ISTAT CNEL BES 2013

Indicatore: GDP totale

Scheda: GDP in trilioni (T) di dollari USA e in valore assoluto a parità di potere d'acquisto (PPP)  a valori costanti 2005 diffusi dalla World Bank, World Development Indicators http://data.worldbank.org/ e pubblicati dalla Com-missione europea nel marzo del 2013. La EU27 e i membri non-EU del G20 producono l'80% del GDP totale  (84% nel 1990 e 82% nel 2011)

 

GDP negli anni 1990, 2000, 2010 and 2011 dei paesi del G20 in TUS$ PPP

Indicatore: GDP pro capite

Scheda: Gli stessi dati della scheda prece-dente riferita pro-capite in migliaia (K) di dollari USA. Russia, Turchia, Brasile e Sud Africa stanno crescendo rapidamente fino a superare la media mondiale nel 2010-2011, come tutti gli altri membri del G20 , con la eccezione di Cina, India e Indonesia.

 

GDP pro-capite negli anni 1990, 2000, 2010 and 2011 dei paesi del G20 in KUS$ PPP

Indicatore: PIL

Scheda: Per l'intero periodo 2001-2009 l'Italia è, in assoluto, il paese dell'Ue la cui economia è cresciuta meno: appena l'1,4 per cento, contro il 10 per cento dell'Uem e il 12,1 per cento dell'Ue.

Metodologia: Valori concatenati al 2000 in numeri indice rispetto al 2000. Il risultato finale dell'attività di produzione delle unità produttrici residenti. Corrisponde alla produzione totale di beni e servizi dell'economia, diminuita dei consumi intermedi e aumentata dell'Iva gravante e delle imposte indirette sulle importazioni. È' altresì pari alla somma dei valori aggiunti a prezzi base delle varie branche di attività economica, aumentata delle imposte sui prodotti (compresa l'Iva e le imposte sulle importazioni), al netto dei contributi ai prodotti  (leggi)

Fonti: Istat, Eurostat, Insee, Destatis, Ine

 

Scheda: Profilo di crescita del Pil nelle maggiori economie Ue

 

  2000       2001       2002       2003       2004      
Italia 98.7 99.5 100.4 101.5 102.1 101.8 101.5 101.6 101.9 102.5 102.5 102.5 102.2 101.7 102.0 102.5 103.1 103.4 103.8 103.6
Francia 99.0 99.7 100.1 101.2 101.8 101.7 102.0 101.6 102.3 102.8 103.2 103.2 103.5 103.4 104.2 104.9 105.3 106.1 106.5 107.3
Germania 99.1 100.0 100.3 100.6 101.7 101.3 101.5 102.1 101.8 101.8 101.9 102.2 101.7 101.2 101.9 102.2 102.7 103.2 102.8 102.7
Regno Unito 98.8 99.9 100.5 100.8 102.0 102.1 102.4 102.6 103.3 103.6 104.3 105.0 105.6 106.5 107.3 108.3 109.3 110.0 110.1 111.0
Spagna 98.6 99.4 100.4 101.7 102.4 103.3 104.3 104.8 105.1 106.1 106.6 107.6 108.2 108.9 109.6 110.3 111.3 111.9 113.2 114.4
  2005       2006       2007       2008       2009       2010
Italia 103.6 104.2 104.5 104.9 105.6 106.1 106.6 107.7 107.9 108.0 108.2 107.8 108.2 107.5 106.3 104.2 101.2 100.9 101.3 101.2 101.8
Francia 107.7 108.0 108.6 109.3 109.9 111.1 111.2 111.8 112.8 113.3 114.0 114.3 114.8 114.2 113.9 111.9 110.3 110.6 110.9 111.5 111.6
Germania 103.3 103.8 104.2 104.6 105.4 107.1 108.1 109.1 109.7 110.4 111.1 111.6 113.2 112.8 112.1 109.3 105.3 105.7 106.4 106.6 106.8
Regno Unito 111.5 112.3 112.9 113.8 114.8 115.4 115.9 116.8 118.0 118.8 119.5 120.1 121.0 120.8 119.7 117.3 114.2 113.4 113.1 113.6 113.8
Spagna 114.9 116.0 116.9 118.0 119.4 120.6 121.9 122.8 124.4 125.5 126.4 127.2 127.9 127.9 127.2 125.7 123.5 122.2 121.9 121.8 121.9

Indicatore: PIL

Scheda: Nel III trimestre 2010 c’è stata una crescita  dello 0,2%  rispetto al trimestre precedente (ISTAT, 12 novembre)

In Europa, la Francia e il Portogallo +0,4%, il Regno Unito +0,8%, la Germania +0,7%, l’Austria e la Slovacchia + 0,9%. Non sono andate meglio, invece, la Spagna, la Grecia, la Romania e l’Olanda.

L’Italia in un anno ha registrato una crescita dell’1%, poco davanti al +3,9% della Germania, al +2,8% del Regno Unito, +1,8% della Francia e +1,5% del Portogallo. La media UE-27 è stata di +2,1%.

Metodologia: Fissando un anno base si deve assumere che il paniere di beni considerato sia sempre lo stesso dell’anno base,  mentre, più realisticamente, con il concatenamento è sufficiente ipotizzare che il paniere dei beni rimanga costante solo un anno.

I tassi di crescita del Pil non dipendono dall’anno base, ma, sommando le componenti della domanda aggregata  non otteniamo esattamente il valore del Pil a valori concatenati. Si perde  cioè la proprietà dell’additività  (leggi)

Fonti: Istat

Scheda: Italia PIL concatenato 2000 in euro

    1990 1991 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999
    1017666 1033275 1041261 1032013 1054220 1084023 1095897 1116415 1132060 1148636
   
  2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010
  1191057 1212713 1218220 1218013 1236671 1244782 1270126 1289988 1276578 1211473 1210856